Intervista su “The Times”

5 10 2009

Trovo questa intervista particolarmente interessante perché è una delle poche che fornisce informazioni un po’ più dettagliate riguardo al nuovo album in arrivo,”The Conqueror”.

Enjoy!

Tati

patrickwolf_185x185_600080a

Patrick Wolf goes it alone

Patrick Wolf puts down his cider and absent-mindedly picks the glitter from under his fingernails. “I have a huge instinct to destroy any label that’s put on me,” he says softly. “Maybe people thought I was difficult when I was 18. I’d make electronic music and get labelled electroclash and then suddenly change to make folk music, shave my head, get back to nature, then change again into a Technicolor pop thing.”

This prodigiously talented and restless young performer has accumulated more labels than should be possible in his 25 years: a veteran of London’s performance art scene, an accomplished singer/songwriter, violinist, pianist, guitarist, producer, video director, stylist, model (his elfin features were captured by Mario Testino for a Burberry campaign) and party-boy tabloid fodder. Now he is a record label manager and internet entrepreneur, having raised £100,000 through the website Bandstock from fans keen to ensure that they get more of his music and that he retains control over it. His music is experimental, deeply emotional, intimate yet brilliantly overblown and constantly surprising.

His four critically lauded, original and complex albums feature collaborators such as Marianne Faithfull and Tilda Swinton. While utterly his own, his music would sit comfortably on your shelves alongside Kate Bush, Bat For Lashes and La Roux. His current album The Bachelor is baroque and noir-ish, spawned by the painful end of a relationship. It mixes Celtic and electronic instrumentation with piano, strings, beats and Wolf’s rich, masculine baritone. It features a beautiful piano ballad, a love song to his father, from whom he had been estranged but later reconciled when his father had cancer ( he has recovered).

This month he will be playing an acoustic gig as part of the National Portrait Gallery’s Gay Icons exhibition, with a performance of The Bachelor in its entirety to follow at the London Palladium in November featuring a string section, gospel choir and guest performances.

His mother is an artist, his father a musician who encouraged and nurtured his creativity. His face lights up at the memory of his mother taking him to a windswept Dungeness to find the director Derek Jarman’s famous hut. “We peered through the windows and could see him sitting in there, writing.” he says. He cites Orlando, the film of shifting historical and gender identities by Jarman’s collaborator Sally Potter as a profound influence. “I saw it when I was 16 and it changed my life. It gave me such a sense of identity, left me feeling confident in my sexuality and my ability to change and evolve as an artist.”

“When I was 10 I stopped making friends at school and started to go to car boot sales to buy instruments,” he says. When he was 14 he began to work with the pop art collective Minty: “They gave me an awakening as an artist; never dilute yourself to be accepted or to be more understood. To be misunderstood was almost the goal. It was my Sylvia Young time.”

Indeed, the only time he seemed at all diluted was on his third album, The Magic Position which, while still eccentric and individual, was crammed with shinier, seemingly more commercial, pop stylings and a million miles from the folk and electro of his earlier offerings. Major-label life did not suit him. He is fiercely protective of his music and had unusually strong creative control clauses on his contract. “I was experimenting with new music and they were terrified about a new direction.” It can’t have helped the relationship that when label representatives visited him in the studio to see how work was coming along, rather than show them what he was up to he let off a siren for three minutes.

The label dropped him, his fans put their money where their mouths were and he has released his finest, most polished record yet. “People took a big leap of faith and I ended up with more than the marketing budget on a major. And I’ve got no one coming in and telling me ‘Patrick, this is the market right now, La Roux are at No 4; can you do something a bit more like Erasure?’ I’m not having the conversations I did two years ago and which drove me mad. It’s why I’ve still got a BlackBerry this month, because I used to just throw it at people.”

As well as playing the major label game, Wolf experimented with the other side of fame. There was a period in 2007 when he was in the papers playing the paparazzi party boy, falling out of nightclubs and into the tabloids. “I thought it would be funny; I could be the male Paris Hilton and make techno music on the side, but you cannot have one and the other — you lose your … I lost sight of my integrity for a while.”

At the time his flat was, by his own admission, squalid. He was drinking too much, not taking care of himself and lost. “It was terrifying. I needed to clean up. The journalists know when you put your rubbish out. And for someone like me, well, you should see what I wear to buy a pint of milk; like a walking car crash in hot pants,” he laughs.

In 2008 he calmed down his lifestyle and now shares his home and life with his boyfriend William (for whom his next album The Conqueror is named). Last year, Wolf says, “I returned to my roots, to my folk music, to my intimacy with a partner, to cooking and learning how to get rid of the fruit flies in the flat rather than worry about how drunk I was last night.” William tours with Wolf and works on the merchandise stall so that they can be together.

The Bachelor and The Conqueror were conceived as a double album, representing both sides of the same coin. “The Bachelor focused on the lonely and depressed — ‘Leave me alone, I’ve lost hope in love’ — a solipsistic, aggressive character with the romance of the hermit. It portrayed a masturbatory way of living,” he says.

The new album came from the start of a happier life. “The lyrics are very erotic and romantic. I’m more interested in sensuality. This is going to be filled with a waking-up and making love three times on a rainy day kind of love.” But then he also describes it as “gay, bum-faced music. You know, like too much Botox, plucked eyebrows and a perma-tan”.

To achieve this he’s working with some big dance producers — Groove Armada and some of Britney Spears’s team — and is trying to produce three-minute ecstatic pop songs of love and domesticity referencing Motown and disco. “It’s not cheese, it’s happy, pornographic music. You can be quite experimental but produce anthems that people want to get married to, you know, have that first dance at a wedding thing. Music for your first kiss.”

Like his music and image, conversation with Wolf twists and turns breathlessly. We are discussing icons and, when asked for his take on Michael Jackson’s life and death, he tells a story about trying to meet Jackson by gatecrashing the Dorchester. Accompanied by the photographer Nan Goldin’s assistant, he blagged his way into the bar. “But it was Margaret Thatcher’s husband Denis’s birthday, and I ended up at the piano, singing My Funny Valentine to him.” They were asked to leave.

He continues with a discussion that involves Daniella Westbrook, Jackson’s nose, a toilet attendant, mortician’s wax and how he suspects that perhaps Jackson isn’t dead but had had enough and fled to a monastery. Given the arc of his career and life, perhaps Wolf too will experiment with monastic living at some point?

Annunci




Intervista di Loudvision 11 settembre 2009

18 09 2009

Si ringrazia Loudvision.it per questa interessante intervista pre-concerto dell’11 settembre, e Paolo per la gentilissima segnalazione :)

Ciao Patrick, che bello conoscerti!
Ciao come va? Dai spostiamoci sulle poltroncine, ho bisogno di sedermi più comodo.

Come stai?
Bene bene grazie.

Sai è la mia prima intervista sono un po’ nervosa…
Non ti preoccupare andrai benissimo.

Live al Magnolia dell11 settembre. Grazie a Steeh per la magnifica foto!

Live al Magnolia dell'11 settembre. Grazie a Steeh per la magnifica foto!

Sei qua per presentare il tuo ultimo album “The Bachelor”. Lo trovo molto emozionante, completo, vivo. È molto diverso dal precedente “The Magic Position”. Cosa ti ha portato a un tale cambiamento di direzione?
Be’ sai, quando faccio un album, esploro il concetto che voglio esprimere fino allo strenuo, fino alla sua morte. In un certo senso uccido l’album e tutta l’emozione al suo interno. Io semplicemente cerco di documentare la situazione in cui mi trovo in quel momento, che sia a livello sentimentale, emotivo o fisicamente nel mondo, ma poi la vita va avanti e si passa oltre.
E se fai un album veramente allegro e lo canti tutti i giorni, poi è ovvio che ti stuferai, per cui avevo bisogno di andare avanti e cambiare qualcosa. Ed è così che mi sentivo quando ho creato “The Bachelor”.

Un altro cambiamento è stato segnato dalla tua decisione di lasciare la vecchia etichetta, e fondare una tua etichetta indipendente …
Sì, la decisione è venuta in realtà a lavoro quasi ultimato. Loro non capivano cosa stessi cercando di fare, volevano che facessi un “Magic Position 2”. E a me non stava bene. Per cui è stata quasi una decisone obbligata, loro non mi rispettavano e io non rispettavo più loro. Era impossibile lavorare insieme.

Per finanziare l’album hai utilizzato il sito bandstocks, un sito che permette ai tuoi fan di dare un contributo e diventare azionisti dell’album. Credo che sia un modo rivoluzionario e incredibile di finanziare un album e che possa magari essere il futuro per la musica indipendente. Cosa ne pensi?
Be’ lo spero proprio. Io sono stato forse l’unica persona un po’ pazza a farlo effettivamente e vedere se funzionava. Molte altre persone sono terrorizzate dalla prospettiva di farlo. Terrorizzate di essere lasciate a se stesse. Io mi sono trovato molto bene, ho dovuto aver fiducia nei miei fan, e la cosa mi è piaciuta molto. Attualmente stiamo decidendo se finanziare il prossimo album “The Conquerer” nella stesso modo oppure no.

Ti è piaciuta la collaborazione che hai fatto con Tilda Swinton in alcune canzoni di “The Bachelor”?
Sì cavoli, tantissimo. Io le ho dato alcuni miei demo un giorno, dicendole che volevo duettare con lei in alcuni miei pezzi … E poi è stato tutto molto intuitivo, istintivo, abbiamo passato un sacco di ore nello studio, a parlare di Jarman, del suo lavoro, di come ha creato la sua immagine, e di come mi ha ispirato, ci sentivamo quasi come gemelli!

Ti occupi personalmente delle copertine dei tuoi album?
Ehm, sì, io propongo il tema, e poi con il fotografo ci lavoriamo insieme finché non raggiungiamo esattamente quello che voglio. Sono tutte copertine molto criptiche per cui magari in futuro ci sarà qualche scienziato o art-ologo che le metterà insieme e capirà qual è stata la mia storia originariamente, e la mia vita.

Pensi che la tua arte si possa estendere anche al cinema? Hai mai pensato di recitare in un film?
Ti direi, sì sì sì sì sì …. Ma che si realizzi o no, è tutta un’altra questione.

Ma io voglio capire veramente chi è Patrick Wolf! Qual è la tua giornata tipo?
(ride) Allora, mi sveglio alla mattina, beh sai, ho un ragazzo molto bossy, per cui si assicura che mi alzi, mi fa il caffè, è un po’ come se fosse il mio allenatore, e poi mi dice “ok andiamo al mercato a prendere le verdure”, e sai questa è la mia vita, fantastica, nel senso della vita in quanto Patrick, in quanto persona in coppia.
Quando sono da solo sono un disastro, mi alzo a mezzogiorno, rimango alzato tutta la notte a scrivere, scrivo scrivo scrivo finché non riesco più ad aprire gli occhi, tendo a non avere programmi, sono quel tipo di persona che se alle 4 di mattina non ha sonno, ok, salta in groppa alla sua bicicletta e gironzola a casaccio finché non collassa. Direi che la parola da usare in questo senso è spontaneità. Per esempio anche stasera, dopo il concerto, con il lago qua vicino, direi che la questione è se andrò o meno a fare il bagno nel lago. Beh dipenderà da come mi sentirò. Ma dall’altra parte sto diventando una persona un po’ più domestica, vivendo ora in una relazione di coppia, condivido la mia vita con qualcun altro. Ma poi ho quelle notti in cui sento di avere una storia da finire, un album da scrivere e devo recuperare la mia indipendenza. Credo che il mio rapporto con il mio lavoro sia molto importante per me, ed è lì che viene fuori invece il Patrick Wolf artista, che si sente libero, che sente di dover rimanere libero, che deve andare in bici alle 4 di mattina fino a crollare, che deve essere spontaneo.
Per cui ovviamente il vero Patrick Wolf è un compromesso tra la vita normale e la vita dello scrittore. Per cui se si tratta di prendere una bottiglia di vodka, e tirare fuori tutte le mie emozioni e non dormire per due giorni, be’ anche quello è importante. Devo sempre tenere quella parte di me, del mio essere. Perché è quello che rende la mia musica così spontanea.

Quindi le parole prima della musica quando scrivi?
Sì, le liriche sono importantissime. Sono loro che suggeriscono la melodia. Tendo a non produrre una melodia così dal nulla, in genere sono sempre liriche da sole o direttamente con la melodia. Per cui sì, per me sono importantissime.
Creando “The Bachelor”, ho realizzato che avevo 12 o 13 liriche, che costituivano una famiglia unica di piccole storie, tutte liriche che trattavano di pene d’amore, di solitudine.

Sì solitudine, è la parola giusta, anche se comunque con un fondo di speranza (“some revolution is needed, the battle will be won – hard times”)
Sì dai, c’è sempre speranza. Non sono un personaggio alla Morrissey, anche se lo ammiro molto, lui come altri tendono molto a celebrare la solitudine nella sua totalità, mentre io sono più per una solitudine con molta speranza. Quindi da questo punto di vista potrei essere più come Joni Mitchell, o qualcosa del genere, sono per una sorta di solitudine più romantica, mi piace la solitudine ma non la depressione…
Aahhh, ma cavolo mi sa che sta per diluviare tra poco…

(Nota di Morena: E in effetti poi ha diluviato :D Ma per fortuna ha smesso un’oretta prima del concerto)
Articolo completo qui.

P.S Mi diverte molto che in quasi tutte le interviste, i giornalisti si stupiscono dell’altezza di Patrizio :D
Dopo 4 anni vengono ancora fuori Joni Mitchell e Morrissey nelle interviste! Tuttavia qui i toni verso quest’ultimo sembrano meno infiammati di qualche anno fa…





Intervista italiana a “irlandando.it”

17 09 2009

Intervista rilasciata a Legnano (MI) per il magazine online irlandando.it nel periodo di promozione di Wind In The Wires.

RG. Allora inizio con le domande… non sono tante.

PW. (sbircia il mio quaderno, mi sorride ) Sento che sarà divertente…tu sei divertente, carina (sì, e ho quindici anni più di te, accidenti…)

RG. nei tuoi testi appare spesso la frase “essere libero”. Pensi di essere una persona libera?

PW. Sì, è vero, questo dell’inseguire la libertà è un tema ricorrente, perché è un sentimento che mi appartiene. La mia musica nasce dalla voglia di essere libero, di fuggire dalle costrizioni. Trovo che questa epoca in cui viviamo sia piena di contraddizioni, e nonostante ci siano molte comodità ci sono anche tantissime, troppe costrizioni a cui dobbiamo sottostare: le tasse, la carta di credito, il telefonino, la casa, il lavoro, i doveri. Soldi, residenza, carta d’identità, passaporto…forse per essere libero bisogna essere uno zingaro. Penso che questa sia un’epoca in cui l’uomo non è per niente libero. ( ripete “questa epoca” come se ne avesse conosciute altre).
Dire se mi considero una persona libera…beh, abbastanza, faccio quello che mi piace, adesso, giro per il mondo con la mia musica, suono, scrivo… e mi dico, sì, la libertà è anche una condizione mentale, essere soddisfatto della vita che hai.

RG. Ti sei chiuso in quello chalet in Cornovaglia, solo, e hai creato il tuo ultimo album. Appari introspettivo e solitario. Sei andato via di casa quando eri ancora un ragazzino . Per sentirti libero e trovare te stesso hai dovuto tagliare i legami con la famiglia, le “catene del cuore”… E’ così? La solitudine è libertà?

PW. Eh…( sospira ) quando me ne sono andato ed ho iniziato a stare in giro volevo proprio staccare i legami, volevo essere uno zingaro, come ti dicevo prima. Ho passato momenti di rabbia, insofferenza, volevo liberarmi dalle cose che mi erano state imposte e dalle persone che me le avevano imposte. Ma essere libero è davvero un sentimento personale, intimo. L’importante è trovare un equilibrio, credo di averlo trovato , ci sono momenti in cui cerco disperatamente la solitudine, per pensare, scrivere, suonare. Ne ho bisogno, mi serve. Però sto benissimo anche con gli amici, in compagnia, anche in quei momenti mi sento libero.
Ad un certo punto ho sentito la mancanza di un affetto, dell’amore, della mia famiglia.
Non riesci a sentirti libero quando hai un vuoto dentro. Sei prigioniero di quello che “non hai”, vivi una specie di…ansia, no? Ora sono molto felice perché mi sento libero di chiamare mia mamma e farmi dire che mi vuole bene. E dire la stessa cosa a lei. Adesso che sono in giro a suonare la chiamo anche tre volte al giorno ( fa il gesto della cornetta ) : Mamma, ti voglio bene!” E’ bellissimo.

RG. Dalle interviste si capisce che tu hai le idee molto chiare su te stesso, sulla tua musica, sui tuoi progetti. Su ciò che sei ora e ciò che vuoi essere.

PW. Sì sì è vero ( absolutely , annuisce con forza )

RG. E’ raro in un ragazzo così giovane

(apre le braccia…).

RG. Hai smesso ieri di essere un bambino…

PW. (ride e mi guarda di traverso ) Credi? Mah!

RG. Io trovo che tu abbia la profondità e la saggezza dei bambini, aperti ai fenomeni della Natura, alla sua magia…

PW. (spalanca gli occhi ) Sì? Molto interessante, sì hai ragione… Mmm , vero!

RG. Sì, parli sempre di fantasmi, di spiriti. (annuisce ) Tu hai questa purezza antica…

PW. (Ride, si copre il viso con le mani, mi manda un bacio) Che cosa bellissima !

RG. Allora… che ne sarà di questo ragazzo puro e profondo quando Patrick Wolf diventerà una grande popstar ?

PW. (Ride e scuote la testa, la frangia sugli occhi, si abbraccia) Noooo , no! Non intendo diventare una popstar ! Non mi interessa! Non è per questo che faccio musica, mi interessa poter esprimermi, suonare per la gente, dare gioia, emozioni, sentire emozioni. Poter girare, essere uno zingaro, no, no…niente popstar.

RG. A parte la musica, stai scrivendo un libro per bambini, un libro di poesie, collabori alla regia dei tuoi videoclip… Sei interessato alle tante forme dell’Arte, quale ti piace di più?

PW. Al libro per bambini ci tengo tantissimo. L’hai detto tu, fino a ieri ero un bambino… (mi sta bene) Sì, voglio esplorare diverse forme d’arte. Non so dirti quale preferisco , ora, perché provo ad avvicinarmi a tutte: mi piace la pittura, la fotografia, amo ballare…

(lo interrompo) RG. tu sai ballare?

PW. Certo! Prendo lezioni di danza, la danza è musica, mi piace molto. E poi…posso fare tutto, voglio fare quello che sento: raccontare una favola ad un amico, dirigere un’orchestra, stare a guardare il mare, stare con chi amo. Tutto è arte, non voglio trascurare niente.

RG. C’è qualcosa che odi, che non sopporti assolutamente?

PW. Odio l’insincerità, le bugie. No, non è che odio le bugie, odio quando qualcuno ti fa la bella faccia, ti dice cose bellissime e poi scopri che è falso.

RG. Ipocrisia…

PW. Sì, ecco, l’ipocrisia .

RG. Adesso ti faccio l’ultima domanda, poi ti lascio, sarai stanco.

PW. No, non ti preoccupare. (sorride e sposta la frangia dagli occhi ) Mi sto divertendo. Fai delle meravigliose domande (è un gentiluomo, of course ).

RG. In questo preciso momento, hai tra le mani uno specchio speciale per guardarti l’anima: cosa vedi?

PW. ( sorrisone) Wow! Ah! Vedo una persona contenta, sì molto felice, di essere qui, di fare musica, sto facendo quello che voglio, quello che sognavo da bambino. Sì, sono felice, sto davvero bene.

RG. Bene, Mr.Wolf , ho finito. Sono contenta di aver potuto parlare con te.

PW. Grazie per le tue domande.

Per l’articolo integrale su irlandando.it (molto carino!) clicca qui.